la violenza sulle donne non può essere pane quotidiano

A-Siena-la-busta-del-pane-contro-la-violenza-sulle-donne

Busta per il pane realizzata dalla studentessa ELISABETTA BELLO

 

“La violenza sulle donne non può essere pane quotidiano” è questa la scritta che troveranno i senesi quando andranno a prendere il pane e faranno entrare nelle case un messaggio assieme alla spesa. In occasione della giornata contro la violenza sulle donne, il Coordinamento Donne dello Spi Cgil e il Dipartimento pari opportunità dello stesso sindacato senese hanno fatto stampare trentamila buste per il pane per il 25 novembre.
La Cgil ha spiegato che il senso dell’iniziativa è proprio quello di far entrare nelle case “in quei luoghi dove ogni giorno si consumano le peggiori violenze, luoghi sicuri che si trasformano in prigioni”. Insieme alle parole c’è un disegno progettato dagli studenti e dalle studentesse del Liceo artistico ‘Duccio di Buoninsegna’ di Siena e accompagnata dai recapiti telefonici di zona (Siena, Valdelsa, Amiata e Valchiana) delle associazioni a cui rivolgersi in caso di bisogno. “Ringraziamo per la disponibilità e la sensibilità – sottolineano le donne delle Cgil – tutti i forni che hanno aderito alla nostra iniziativa,
in particolare il Panificio Sclavi, che ci omaggerà di pagnottine che distribuiremo presso la Camera del Lavoro di Siena, alla Lizza” in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Le donne della Cgil ringraziano infine “l’azienda di trasporti Tiemme per la sensibilità dimostrata, dato che trasmetterà lo stesso messaggio sui monitor degli autobus di linea”.